WordPress for BlackBerry 1.4.1, ma funziona?

WordPress per BlackBerryCon entusiasmo quasi infantile ho installato sul mio Bold 9700 (firmware 5.0.0.680) WordPress per BlackBerry release 1.4.1.
 
Ho riscontrato subito un problema: i post inviati al blog vengono troncati.
 
Inoltre, la parte del testo successiva al punto d’interruzione viene irrimediabilmente persa. Infatti, quando un articolo in bozza sul telefono viene inoltrato al server, il client mobile di WordPress lo cancella subito dalla memoria del device o dalla memory card (a seconda del supporto scelto per il salvataggio dei dati in locale), senza verificare che il trasferimento abbia avuto successo. E già quest’ultimo aspetto meriterebbe una correzione.
 
Il problema vero, però, è un altro: identificare le cause, le circostanze del troncamento e, possibilmente, individuare la soluzione. Mi è venuto in aiuto un utente di BlackBerry Italia e Telefonino.net (per la verità tramite il gruppo “Forum BB Italia” che abbiamo creato nell’ambito di BlackBerry Messenger), che mi ha fatto notare come il testo s’interrompesse in corrispondenza del primo carattere accentato.
 
Sul forum di supporto del client WordPress per BlackBerry c’è questo thread , in cui si suggerisce (ad un utilizzatore della versione tedesca) di controllare i parametri DB_CHARSET e DB_COLLATE contenuti nel file di configurazione di WordPress lato server, ossia il file wp-config.php reperibile nella root d’installazione.
 
Queste le configurazioni di default previste da WordPress in Italiano:
define(‘DB_CHARSET’, ‘utf8’)
define(‘DB_COLLATE’, ”)
 
E queste quelle suggerite dai moderatori del forum di supporto:
define(‘DB_CHARSET’, ‘utf8’)
define(‘DB_COLLATE’, ‘utf8_general_ci‘)
 
Dico subito che la modifica, nel mio caso, non ha prodotto alcun effetto e il problema è rimasto inalterato. Allora ho aperto anch’io un thread sull’argomento e il moderatore, dopo l’analisi della mia configurazione, ha concluso consigliandomi di effettuare l’upgrade del linguaggio PHP dalla versione 4 (precisamente la 4.4.4) alla 5, in quanto l’utente tedesco aveva risolto in questo modo.
 
La gestione del linguaggio del server non dipende da me e per il momento non posso confermare al di là di ogni ragionevole dubbio che il client per BlackBerry di WordPress sia in grado di “dialogare” correttamente soltanto con server sui quali è installata la versione 5 del PHP, ma appena il mio blog verrà migrato sul nuovo server, che il provider sta predisponendo proprio per i siti gestiti con WordPress e che utilizza l’ultima versione del linguaggio di scripting, saprò se l’applicazione per BlackBerry ha davvero un problema di compatibilità con le release precedenti.
 
Per essere sinceri fino in fondo, va detto che un’impostazione che pare avvicinarsi molto alla soluzione dell’inghippo l’avrei pure trovata. Così come suggerito in questo articolo, nel file wp-config.php sul server, occorre impostare:
define(‘DB_CHARSET’, ‘latin1’)
define(‘DB_COLLATE’, ‘latin1_swedish_ci’)
 
Poi, però, con la versione attualmente in uso di WordPress (3.01), per evitare che nella visione su web tutte le accentate vengano sostituite da punti interrogativi, è necessario sostituire il valore UTF-8 con latin1 anche nella dashboard di amministrazione della piattaforma, in Impostazioni > Lettura > Codifica delle pagine e dei feed.
 
Così facendo, il client per BlackBerry invia correttamente l’intero post senza troncamenti, con le accentate al posto giusto, mentre su web tutto sembra perfettamente in ordine.
 
E allora? Tutto risolto? Magari! Basta scaricare nuovamente il blog sul BlackBerry, tramite la funzione aggiorna, per ritrovarsi con i testi zeppi di caratteri anomali.
 
Insomma, WordPress per BlackBerry pare volere proprio il set di caratteri UTF-8, ma, forse, in abbinamento con la quinta versione del linguaggio di scripting PHP.

Pubblicato in BlackBerry, PDA Phone, Un po' d'informatica, WordPress | 2 commenti

Disponibile il libro “Montalbano, storia di una Comunità”

Copertina del libro "Montalbano, storia di una comunità"E’ finalmente disponibile il volume “Montalbano, storia di una Comunità” su cui i soci del “Centro Studi San Contardo d’Este” hanno lavorato nel corso dell’inverno e della primavera scorsa.
 
Alla bella prefazione del Prof. Eligio Grasselli dell’Università di Bologna, fanno seguito i capitoli sulla storia ecclesiastica, su quella civile della Comune di Montalbano dal basso Medioevo alla fine del XIX secolo, nonché le parti dedicate alle famiglie notabili del territorio, all’illustrazione delle emergenze artistiche ed architettoniche ed infine le pagine descrittive di un particolare insediamento residenziale e della storia delle famiglie che lo hanno posseduto nel corso dei secoli.
 
Ecco l’indice:
“La Chiesa a Montalbano: una presenza quasi millenaria”
di Licia Beggi Miani
“Vicende civili, dalla Comunità di Montalbano al Comune di Zocca”
di Stefano Santagata
“Le famiglie storiche di Montalbano”
di Romolo Dodi
“Arte e architettura a Montalbano”
di Enrico Marchetti
“Un’insolita dimora gentilizia tra i monti dell’Appennino”
di Giovanni Bartolotti
Per il momento, il volume è reperibile presso la biblioteca comunale di Zocca, presso cui è acquistabile (€ 12 – pg. 222).
Per informazioni rivolgersi a:
giovanni, il solito simbolo della posta elettronica seguito dal dominio di questo sito.

Pubblicato in Centro Studi S. Contardo d'Este, historia minor, Libro su Montalbano | 3 commenti

RIM BlackBerry: rilasciato il Desktop Manager versione 6

La nuova <em>release</em> 6 del Desktop Manager di RIMIl 10 agosto scorso RIM ha finalmente pubblicato la nuova versione del suo software che consente di sincronizzare i BlackBerry con Microsoft Outlook ed altri applicativi PDA per PC desktop.

Finalmente, perché il Desktop Manager v. 5.01 si era rivelato del tutto incompatibile con Outlook 2010: ad ogni tentativo di sincronizzazione restituiva un errore circa l’irreperibilità dei file d’archivio in cui il noto PIM della casa di Redmond immaggazzina i dati (i noti file .pst).

Per la verità l’errore non si evidenzia quando sul PC desktop è già stato installato Outlook 2007 e successivamente l’utente ha effettuato l’aggiornamento alla versione 2010. In questa ipotesi, anche il DM 5.01 è in grado di funzionare correttamente, almeno sino ad una qualunque modifica, anche del tutto marginale, delle impostazioni di sincronizzazione. Anzi, è sufficiente entrare nel wizard di configurazione di queste ultime per generare l’errore in modo irreversibile.
 
Qualcuno, in rete, ha abbozzato una soluzione. Occorre:

  1. disinstallare completamente Outlook 2010 (eliminando anche il relativo profilo di posta elettronica dal pannello di controllo di Windows);
  2. reinstallare la versione 2010, configurare il tutto, compresa la sincronizzazione del device tramite il DM 5.01;
  3. effettuare nuovamente l’aggiornamento ad Outlook 2010…. e non toccare più nulla…

Demenziale…
 
L’incompatibilità del Desktop Manger con il PIM della Microsoft aveva suscitato molto scalpore in rete, soprattutto negli Stati Uniti, paese in cui gli upgrade degli applicativi Office ha luogo con una frequenza ed una tempestività assai maggiori di quanto non accada in Italia. Comunque sia, il problema è stato sottovalutato anche da noi, perché la nuova release della suite Microsoft, pur non apportando novità eclatanti sotto il profilo delle funzionalità, si caratterizza tuttavia per una leggerezza, stabilità ed affidabilità di gran lunga superiori rispetto alla precedente e chi ha effettuato l’aggiornamento difficilmente è disposto a tornare indietro, sebbene per un periodo di tempo limitato.
 
Il “nervosismo” dei clienti BlackBerry è stato alimentato anche dal fatto che la casa canadese dichiarava apertamente di non avere idea dei tempi necessari per la soluzione del problema; tra l’altro il baco è noto sin dalla fine del 2009, da quando cioè Microsoft ha messo in circolazione la versione beta di Office 2010. Alla fine lamentele, imprecazioni e contumelie qualche effetto devono averlo prodotto, perché la RIM, a parecchie settimane dal rilascio della versione retail di Outlook 2010, si è decisa ad annunciare che il 10 agosto avrebbe reso disponibile la nuova versione del proprio software di sincronizzazione, ma solo per chi utilizza la suite Office a 32 bit, perché per quella a 64 bit tocca attendere sino al 2011!
 
Dopo alcuni giorni di utilizzo, l’impressione non è del tutto positiva. Certo, all’apparenza molto è stato rinnovato e a detta di alcuni le attività di sincronizzazione sono ora molto più fluide e rapide; tuttavia quello che a mio modo di vedere costituiva il vero tallone d’achille della versione 5.01 ovvero la connessione Bluetooth, la lentezza con cui il software riconosce il device, la compatibilità con il solo stack Bluetooth della Microsoft, le limitazioni di funzionalità che tale tipo di connessione comporta rispetto a quella tramite cavo USB, la sua non eccelsa affidabilità sono difetti e carenze rimasti inalterati nella nuova release.
 
Insomma, sotto un vestito fresco la… biancheria pare quella di prima: la stessa interfaccia di gestione delle connessioni con lo smartphone non appare significativamente modificata. Per di più, anche sotto il profilo delle funzionalità, qualcosa sembra addirittura sparita (cfr. www.blackberry.com/btsc/KB23666) e soprattutto molti, troppi utenti lamentano insormontabili problemi di funzionamento anche con la nuova versione.
 
Vedremo, se nelle prossime settimane RIM rilascerà un’ulteriore release, vista la fretta (e l’approssimazione) con cui ha pubblicato questa 6.0.

Pubblicato in BlackBerry, PDA Phone | Lascia un commento

Evviva le estati piovose!

Porcini sul Monte della RivaHo sempre prediletto le estati molto fresche e piovose.
Finalmente, dopo molti anni di odiosi caldi africani e di mortifere siccità, l’Appennino modenese è ritornato com’era prima che i devastanti mutamenti climatici di questi anni rovinassero la vivibilità del nostro Paese e dell’Emilia Romagna in particolare.
Infatti, non tutti sanno che la nostra regione è una delle più colpite in Europa dall’innalzamento della temperatura media, molto più di qualsiasi altra regione italiana.
Le abbondanti e frequenti piogge di queste settimane, però, hanno favorito il ritorno dei funghi in luoghi che ormai da molti anni non erano più considerati produttivi e non solo per la siccità estiva, ma anche perché troppo frequentati e calpestati dall’uomo.
Uno di questi è il monte della Riva, entrato da poco a far parte a pieno titolo del Parco regionale dei Sassi di Roccamalatina. Ebbene, quello che vedete in questa pagina è ciò che mio figlio, un ragazzino di tredici anni senza particolare esperienza, riesce a portare a casa… quasi tutte le mattine.

Pubblicato in De locis meis | Lascia un commento

Alle prime armi…

Non sono ancora in grado di usare proficuamente WordPress.
Non ho ancora compreso, per esempio, se i temi sono davvero così rigidi come sembrano, a prescindere dalla possibilità di modificare a mano il codice html e i fogli di stile, oppure se è possibile agire su di essi tramite l’interfaccia grafica di WordPress.
Ci vuole pazienza…
Intervenendo sul foglio di stile, sono riuscito a modificare qualche elemento grafico: lo spessore e il colore di un bordo, la larghezza della colonna di testo…

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento